Premessa

In data 29 giugno u.s. il MiTe ha definito i requisiti minimi dei sistemi agrivoltaici e i fattori premiali ai fini dell’accesso agli incentivi.

Al contempo, è stata avviata la consultazione sulla misura finanziata dal PNRR, il cui obiettivo è installare a regime una capacità produttiva da impianti agrivoltaici di almeno 1,04 GW.

I beneficiari ed i titoli necessari

Il decreto afferma che i soggetti beneficiari debbano essere imprese agricole o associazioni temporanee di imprese, che includono almeno un’impresa agricola.

Per la presentazione della domanda di accesso al contributo previsto si devono possedere i seguenti titoli:

  1. titolo abilitativo alla costruzione e all’esercizio dell’impianto;
  2. preventivo di connessione alla rete elettrica accettato in via definitiva.

Le voci di finanziamento e la pubblicazione del bando

Come stabilito dal decreto, gli impianti dovranno rispettare dei requisiti minimi da un punto di vista:

  • impiantistico (es. potenza nominale > 300kW);
  • di esercizio (es. sul terreno oggetto dell’intervento deve essere garantita la continuità dell’attività agricola e pastorale).

L’incentivo sarà composto da:

  1. un contributo in conto capitale nella misura massima del 40 per cento dei costi ammissibili;
  2. una tariffa incentivante applicata alla produzione di energia elettrica netta immessa in rete.

Quest’ultimo incentivo tariffario è riconosciuto per un periodo di 20 anni, ed è calcolato in base alla differenza tra la tariffa spettante e il prezzo di mercato dell’energia elettrica di riferimento.

Il primo bando è previsto entro dicembre 2022 con un periodo di apertura di 60 giorni.

Il costo di investimento massimo ammissibile sarà pari a 1.500 €/kW e ricomprende le seguenti voci:

  1. realizzazione di impianti agrivoltaici avanzati (moduli fotovoltaici, inverter strutture per il montaggio dei moduli, sistemi elettromeccanici di orientamento moduli, componentistica elettrica);
  2. fornitura e posa in opera dei sistemi di accumulo;
  3. attrezzature per il sistema di monitoraggio previsto dalle Linee Guida CREA/GSE, ivi inclusi l’acquisto o l’acquisizione di programmi informativi funzionali alla gestione dell’impianto;
  4. connessione alla rete elettrica nazionale;
  5. opere edili strettamente necessarie alla realizzazione dell’intervento;
  6. acquisto, trasporto e installazione macchinari, impianti e attrezzature hardware e software, comprese le spese per la loro installazione e messa in esercizio;
  7. studi di prefattibilità e spese necessarie per attività preliminari;
  8. progettazioni, indagini geologiche e geotecniche il cui onere è a carico del progettista per la definizione progettuale dell’opera;
  9. direzioni lavori, sicurezza, assistenza giornaliera e contabilità lavori;
  10. collaudi tecnici e/o tecnico-amministrativi, consulenze e/o supporto tecnico-amministrativo.

Le spese di cui alle lettere da g) a j) sono finanziabili in misura non superiore al 10% dell’importo ammesso a finanziamento.

Per ulteriori informazioni si prega di rivolgersi ai nostri Uffici:

Fabiola Materozzi 0577/533202 – materozzi@confagricolturasiena.it

Paolo Bittarelli 0577/533219 – bittarelli@confagricolturasiena.it