In primo piano

Misure di sostegno TF Ucraina inerenti al comparto zootecnico – verifica correttezza registrazioni in Banca Dati Nazionale

Ago 3, 2022 | novità

In considerazione del rilevante aumento dei costi di produzione per il settore zootecnico derivante dalle tensioni sui mercati nazionale e internazionale, riguardanti gli alimenti per il bestiame, il Ministero sta intervenendo con un ulteriore provvedimento, finanziato, per un importo pari a 80 milioni di euro, con risorse nazionali come da comunicato stampa del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali del 1 luglio 2022 e come previsto dal decreto interdipartimentale prot. n. 229251 del 20 maggio 2022 che regola il regime di aiuto di Stato recante il “Quadro riepilogativo delle misure a sostegno delle imprese attive nei settori agricolo, forestale, della pesca e acquacoltura ai sensi della sezione 2.1 della Comunicazione della Commissione europea C(2022) 1890 final Quadro temporaneo di crisi per misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia a seguito dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina”.

I ristretti margini temporali intercorrenti tra la possibile data di pubblicazione e di entrata in vigore del Decreto in corso di registrazione preannunciato nel comunicato stampa e il termine stabilito per la concessione dei sostegni dal TF Ucraina al 31.12.2022, renderanno necessario prevedere l’approntamento di domande precompilate sulla base dei dati messi a disposizione dalla Banca Dati Nazionale (BDN) zootecnica.

Pertanto, laddove l’iter del Decreto si completasse favorevolmente, l’Agenzia dovrà ottenere lo scarico dalla BDN dei dati necessari a precompilare le domande al più tardi al 1 settembre 2022, in modo che, non appena possibile a valle della pubblicazione del Decreto stesso, i produttori possano presentare le loro istanze in modalità agevolata, l’unica praticabile in tempi così ridotti.

Si chiede pertanto a tutti i propri produttori interessati di verificare i dati del proprio allevamento presenti in BDN rettificando eventuali errori entro il 1 settembre 2022.

Con l’occasione si segnala che, in base alle anticipazioni, i dati necessari a precompilare le domande potrebbero riguardare:

  • i suini nati, allevati e macellati in Italia nel periodo dal 1 marzo 2022 al 31 maggio 2022;
  • le scrofe allevate al 30 giugno 2022;
  • le pecore e le capre allevate nel periodo dal 1 aprile 2022 al 31 maggio 2022;
  • i conigli macellati nel periodo dal 1 aprile 2022 al 31 maggio 2022;
  • le galline ovaiole, i tacchini e i polli presenti in allevamento dell’ultimo ciclo utile al 30 aprile 2022;
  • i tacchini e i polli presenti in allevamento dell’ultimo ciclo utile al 30 aprile 2022;
  • I bovini di età inferiore agli 8 mesi, allevati da almeno 4 mesi e macellati in Italia nel periodo dal 1 aprile 2022 al 30 giugno 2022;
  • i bovini da carne (vitelloni e vacche) iscritti ai Libri Genealogici delle razze autoctone presenti in allevamento.

Tutte le predette condizioni, inclusa l’iscrizione ai Libri Genealogici per i bovini da carne, sono oggetto di registrazione nella BDN.

Le ultime novità