Preme segnalare che  il Ministero della Salute,  informa della pubblicazione in gazzetta ufficiale del Decreto Ministeriale sui requisiti di biosicurezza degli stabilimenti che detengono suini e che, la sezione “biosicurezza suini” del sistema informativo Classyfarm.it è stata riorganizzata con la predisposizione di quattro check list, ognuna delle quali si riferisce ad una delle tipologie di allevamento previste dal Decreto (allevamento stabulato e allevamento semibrado, ciascuno ulteriormente suddiviso a seconda che la capacità massima superi o meno il numero di 300 capi). Inoltre il Dicastero precisa che, qualora l’allevamento oggetto di verifica dall’ATS sia situato all’interno di una zona di restrizione per PSA, in aggiunta ai requisiti previsti dal Decreto in oggetto, l’eventuale proseguimento dell’attività è subordinato all’adozione di misure di biosicurezza rafforzate di cui all’allegato II del Regolamento di esecuzione (UE) 2021/605 e successive modificazioni ed integrazioni.

Pertanto, è stato previsto che, nel caso in cui l’allevamento sia situato in zona di restrizione per PSA, il rispetto di alcuni dei requisiti di biosicurezza rafforzati di cui alle suddette check list è da intendersi obbligatorio. A parte le informazioni sopra menzionate, sarà utile informare gli associati con aziende presenti sul resto del territorio nazionale che il provvedimento è entrato in vigore il 27 luglio u.s. e gli operatori, tranne quelli con aziende site nelle zone in restrizione per la PSA, avranno tempo dodici mesi, fino al 27 luglio 2023, per adeguare gli stabilimenti alle norme di biosicurezza previste nell’allegato del Decreto Ministeriale di riferimento.

Nota informativa decreto biosicurezza suini e check list Classyfarm