In primo piano

Disposizioni relative alle modalità di concessione dei sostegni per alcuni settori zootecnici in crisi ai sensi del “Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura”

Set 19, 2022 | novità

Facciamo seguito alle comunicazioni già diramate in precedenza, in merito alle misure di sostegno per alcuni settori zootecnici in crisi disposte con D.M. dell’8 luglio 2022 n. 0304905 al fine di fronteggiare il peggioramento economico internazionale con innalzamento dei costi di produzione dovuto alla crisi Ucraina, per informarvi che l’Organismo Pagatore AGEA ha provveduto ad emanare le Istruzioni operative n. 78  che dispongono le modalità attuative per la richiesta e l’erogazione dell’aiuto degli interventi a favore delle seguenti filiere zootecniche per la campagna 2022 per un importo complessivo di 78 milioni di euro previsto dall’art. 3 del DM 08 luglio 2022 n. 0304905:

a) filiera suinicola: 40 milioni di euro, di cui 28 milioni per i suini e 12 milioni per le scrofe;

b) filiera delle carni bovine di età inferiore agli 8 mesi: 4 milioni di euro;

c) filiera bovini di razze autoctone in contratti di filiera di tipo privatistico o in Sistemi di Qualità Nazionale (SQN) o in Sistemi di qualità di Denominazione di Origine Protetta (DOP) e/o di Indicazione Geografica Protetta (IGP): 5 milioni di euro;

d) filiera ovicaprina: 11 milioni di euro;

e) filiera cunicola: 3 milioni di euro;

f) filiera galline ovaiole: 6 milioni di euro

g) filiera tacchini: 5 milioni di euro;

h) filiera polli: 4 milioni di euro.

All’aiuto possono accedere le imprese agricole di allevamento di suini, scrofe, vitelli, bovini di razze autoctone, ovicaprini, conigli, galline ovaiole, tacchini e polli, allevati e macellati in Italia.

Sono, tuttavia, esclusi dall’accesso agli aiuti:

− i soggetti la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del decreto ministeriale 8 luglio 2022 n. 0304905 e ai soggetti che hanno attivato la partita IVA dopo l’entrata in vigore dello stesso decreto ministeriale;

− le imprese soggette alle sanzioni adottate dall’UE di cui alla sezione 1.1 della Comunicazione (2022/C 131 I/01) della Commissione europea.

La presentazione delle domande avverrà in modo precompilato sulla base:

  • delle informazioni già presenti nella Banca Dati Nazionale (BDN) del Ministero della Salute,
  • dei dati aziendali presenti nel Fascicolo Aziendale del SIAN.

Alla domanda sono accluse:

a) la certificazione idonea a dimostrare il numero di conigli allevati e macellati in Italia nel periodo dal 1 aprile 2022 al 31 maggio 2022 nel caso in cui il dato comunicato sia superiore al dato riscontrato nella BDN;

b) copia del contratto di soccida nel caso in cui sussista.

Con specifico riferimento agli allevamenti in soccida, vi invitiamo a prendere attentamente visione di quanto specificato nelle Istruzioni operative, nel  modello di domanda nonché nella “dichiarazione liberatoria soccida” che trovate in allegato.

Per ciascuna filiera sono identificati: le imprese agricole di allevamento che possono beneficiare dell’aiuto, l’importo unitario massimo concedibili per ciascun capo, l’intervallo temporale e/o la data presa a riferimento per l’acquisizione dei dati dalla BDN , gli eventuali requisiti aggiuntivi (come specificato per la filiera dei bovini di razze autoctone).

La presentazione delle domande potrà intervenire nell’intervallo temporale tra il 28 settembre ed il 14 ottobre 2022 per il tramite del SIAN e con l’assistenza del CAA.

A seguito del ricevimento delle domande l’Organismo pagatore AGEA, espletati i controlli istruttori di ammissibilità,  è autorizzato ad eseguire il pagamento dell’acconto in misura pari all’80% del contributo spettante. Come è noto, l’erogazione del saldo è prevista a conclusione di tutte le  verifiche di ammissibilità nonché degli ulteriori controlli istruttori previsti per gli aiuti nazionali.

AGEA-2022-0067019-IstrOp81IntegrazioneparIO78del12settembreFiliereZootecnicheDM08luglio2022n0304905

Istruzioni Operative n. 81 del 15 settembre 2022 allegato modello domanda rev

Istruzioni Operative n. 78

dichiarazione liberatoria soccida

Le ultime novità